Zanzare OGM

zanzare ogm

Da molti anni si parla di modificare geneticamente le zanzare per debellarle o renderle innocue. Facciamo il punto delle numerose ricerche e sperimentazioni sul campo.

Gli scienziati si stanno attrezzando per sequenziare il genoma di più di 5.000 insetti ed artropodi. Questa ricerca aprirà ad una serie di metodi di controllo degli infestanti senza insetticidi ad oggi impensabili. L'iniziativa è costata 5 anni di ricerca e 15 milioni di dollari di investimento ed è conosciuta come Iniziativa i5k, ed anche chiamata il Manhattan Project dell'entomologia.

Le zanzare trasmettono malattie come la malaria e la dengue, fanno milioni di morti ogni anno in particolare tra i bambini africani. Questi insetti sono da sempre oggetto di studi e ricerche su come combatterle, anche dal punto di vista genetico.

Una delle prime techiche studiate è stata quella del maschio o della femmina sterile tramite l'irradiamento degli esemplari con raggi gamma. Il procedimento risulta costoso e necessita di macchinari complessi. Per questo si sono cercati metodi più pratici, per i quali noi italiani, come spesso accade, ci siamo distinti positivamente.

Maurizio Calvitti e Riccardo Moretti di ENEA, hanno brevettato infatti un efficace procedimento per la produzione di una linea di maschi di zanzara che provoca la completa sterilità delle femmine selvatiche con cui si accoppiano. Questo tipo di manipolazione rappresenta una valida alternativa alla produzione di insetti sterili tramite irraggiamento con raggi gamma, con notevoli vantaggi sia dal punto di vista della competitività dei maschi che dei tempi e costi da sostenere.

Una evoluzione pratica di quella che si chiama Sterile Insect Technique (SIT) è stata pubblicati sul Journal of Medical Entomology. La ricerca ha visto il coinvolgimento dello scienziato italiano Fabrizio Balestrino presso la FAO (Food and Agriculture Organization) l’organizzazione dell’ONU e la International Atomic Energy Agency (IAEA).

Ciò che hanno sviluppato gli scienziati è stato un nuovo tipo di telaio in acciaio inox in grado di ospitare da 140.000 a 175.000 zanzare adulte per rack. Questo nuovo modello è l’unico in grado di assicurare un corretto sviluppo larvale grazie al suo rispecchiare condizioni simili a quelle naturali dove si sviluppano le zanzare. Il sistema permette pertanto di ottenere intere colonie di zanzare sterili risparmiando sui costi di gestione.

Risultati interessanti si sono recentemente ottenuti grazie al lavoro dei ricercatori della azienda britannica Oxitec.  Sono state create in laboratorio zanzare che per svilupparsi oltre lo stato larvale hanno bisogno di un antibiotico, il tetracicline. I maschi vengono nutriti con questo farmaco in laboratorio e poi, lasciati in libertà, si accoppiano con le femmine in natura. Le larve che ne derivano saranno incapaci di svilupparsi e moriranno, non trovando le tetracline. In pochi giorni sia i maschi OGM che la loro prole saranno morti

Il metodo è efficace, poco costoso e porta di sicuro meno danni all'ambiente dei pesticidi, spiegano dall'azienda, ma incontra troppi ostacoli da parte dell'opinione pubblica, che teme le modificazioni genetiche perché ancora relativamente sconosciute.

Le zanzare sterili prodotte da questa azienda sono state sperimentate con successo in Brasile dove il numero di zanzare Aedes Aegypti, portatrici di Dengue, è stato ridotto dell'85% rispetto ad aree non trattate.

Oltre al Brasile, Malaysia e le Isole Cayman hanno accolto l'idea, e inserito le zanzare OGM nella popolazione di zanzare locali. I prossimi della lista sono Panama, India e forse la Florida.

Nel 2009 la Florida ha dovuto affrontare la dengue, con un'epidemia che non si vedeva dal 1934. Nonostante l'abbondante spargimento di pesticidi deciso dalle autorità, nel corso dei successivi 15 mesi furono infettate 93 persone. Nel 2009 i morti per febbre dengue sono stati 27 a Key West, ma nel 2010 sono morte 67 persone.

La stessa Oxitec prima di queste epidemie aveva rinunciato a sperimentare la zanzara OGM proprio in Florida per via delle forti opposizioni nell'opinione pubblica, portate avanti da attivisti locali e organizzazioni contrarie all'impiego di organismi geneticamente modificati.

E' di luglio 2012 (data di pubblicazione di questo articolo NdR) la decisione del Florida Keys Mosquito Control District di diffonde nell’ambiente milioni di maschi di zanzara Aedes aegypti, responsabile delle epidemie di febbre dengue a partire dal 2009 in un luogo dove tale malattia era stata debellata da oltre 60 anni.

Non è ancora detta però l'ultima parola, la questione è ancora controversa e trova molte opposizioni dalla popolazione locale e non solo. Come puntualizza l'associazione Friends of the Earth cosa succederà se le zanzare modificate in laboratorio non moriranno allo stato embrionale? Del resto l'animale ha già mostrato un'alta capacità d'adattamento.

Se ci fossero pericoli per la salute saresti a favore di questi metodi per contrastare le zanzare?

Scopri gli antizanzare più efficaci

Mosquito Magnet

Mosquito Magnet

Interrompe il ciclo di vita delle zanzare fino a 5000 mq. Ecologico, non emette sostanze nocive.

Scopri Mosquito Magnet

ThermaCELL

ThermaCELL

Libera dalle zanzare spazi di alcune decine di mq. Ideale per terrazzi, campeggio o giardino.

Scopri ThermaCELL

Aqualab

Aqualab

Rimedo ecologico, economico ed efficace per contrastare la riproduzione delle zanzare.

Scopri Aqualab

Informazioni negozio

MosquitoWeb snc, Via Nievo, 8 20063 - Cernusco sul Naviglio (MI) Italy
Contattaci subito: 02 4070 6995
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright © 2016 MosquitoWeb snc -  P.I. 07721000961 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Contatti - Privacy policy

cover ebook

 

Scarica l'ebook

GUERRA ALLE ZANZARE.

Informazioni, trucchi e consigli per liberare il tuo giardino dalle zanzare.

La mia Newsletter