Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

zanzara morta trasp

  • Generale
  • Quanto si riproducono le zanzare in poche settimane

Quanto si riproducono le zanzare in poche settimane

invasione zanzare

Non risparmiare neanche una zanzara a marzo, altrimenti qualche milione di zanzare si aggirerà nel tuo giardino pochi mesi dopo.

C'era una volta una zanzara tigre, era autunno e aveva freddo. Il diminuire delle ore di luce la intontivano rendendola lenta e distratta. Non assomigliava più molto all'insetto che durante il periodo estivo agisce come una macchina da guerra perfetta. La zanzara tigre, così come le altre specie di zanzara, è in grado di riprodursi grazie al sangue succhiato dai capillari delle sue prede. Grazie a sofisticatissimi sensori è in grado di scovare obiettivi umani ed animali individuando il calore e l'anidride carbonica emessa dagli organismi. Poi localizza con micidiale accuratezza i vasi sanguigni superficiali e li attacca con il suo apparato boccale. La zanzare tigre è velocissima: prima inietta la propria saliva per fluidificare il sangue e anestetizzare localmente la vittima, poi succhia il sangue sufficiente ad avere le proteine necessarie per portare a termine lo sviluppo delle uova. E' in questo momento che potrebbe infettare la vittima con malattie di cui è vettore come ad esempio la Chikungunya, la Dengue o il virus Zika di recente comparso in Brasile e che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo.

Ma torniamo alla nostra zanzara, dopo un timido svolazzare intorpidita dal fresco autunnale il suo istinto perfetto la porta a cercare un luogo protetto per le sue ultime uova. Trovati alcuni coperchi di plastica dietro ad un capanno degli attrezzi, mamma zanzara rilascia il suo carico di 60 uova (ne depongono da 40 a 80).

contenitori zanzare

L'istinto dell'insetto gioca sempre un ruolo fondamentale, mamma zanzara sceglierà infatti un luogo riparato, in grado di proteggere le uova dai rigori invernali dove probabilmente quando la natura si risveglierà con l'arrivo della primavera sarà allagato dalla preziosa acqua indispensabile a fare schiudere le uova.

La zanzara tigre è una specie che, al contrario di altre, supera l'inverno come uova. Questo è un bene per lei ma malissimo per noi. Le uova infatti sono molto resistenti, possono sopravvivere anche a temperature di molti gradi inferiori allo zero. Non temono insetticidi o predatori. Possono restare quiescenti anche anni ed è molto probabile che prima o poi, una volta bagnate dall'acqua si schiudano dando alla luce un nugolo di altre pericolose zanzare tigre.

La zanzara tigre stanca dopo questo ultimo sforzo si allontana e scompare per sempre spazzata via dai primi venti freddi provenienti da nord. È novembre, tutti incominciano a pensare al Natale, a sciare, al panettone. Le visite a questo sito sono prossime allo zero e solo poche volte la mente vola ai caldi pomeriggi estivi durante i quali i bambini devono scappare via dal giardino o dai parchetti perchè assaliti da nugoli di zanzare tigre.

Le uova deposte nel coperchio di plastica dietro al capanno degli attrezzi invece sono sempre lì, ferme, resistenti, indistruttibili. A gennaio le temperature vanno sotto zero, poi nevica e le temperature si abbassano ancora. Ma le uova, protette ancora meglio dalla neve caduta da poco, continuano il loro riposo invernale. L'Epifania è ormai lontana, febbraio è passato. I più previdenti incominciano a pensare dove prenotare le vacanze estive.

Ormai il freddo è  passato, incomincia marzo e le prime giornate tiepide fanno fiorire le mimose, l'erba ricomincia a crescere colorata da giovani margherite. Poi le temperature medie iniziano ad essere sopra i 10 gradi e le ore di luce quotidiane più di dodici. Arrivano le abbondanti piogge primaverili ed è proprio ora che le uova della zanzara tigre che hanno superato l'inverno nel coperchio dietro al capanno degli attrezzi, vengono sommerse dall'acqua, come si può vedere consultando il calendario delle zanzare.

Le uova sono 60 ma noi ne seguiremo solo 1, la 23° in ordine di deposizione, posta proprio nell'angolino del coperchio. Coperta dall'acqua si "risveglia" e si schiude dando alla luce una larva, che poi proseguendo il ciclo riproduttivo diventa pupa e infine adulto. Questo avviene in circa una settimana.

Settimana 1

L'uovo numero 23 è diventato una giovane e aitante zanzara tigre adulta femmina. Non scordiamoci delle altre 59 uova e ipotizziamo che ora ci sono in giro 30 zanzare tigre maschio e 30 zanzare tigre femmina.

Diamo qualche giorno alle zanzare per conoscersi e accoppiarsi, una volta accoppiate le femmine non hanno altro in mente che procurarsi un pasto di sangue. Quindi sarai punto da una zanzara tigre femmina che fino a pochi giorni prima riposava come uovo nel tuo coperchio di plastica. L'intervallo tra il pasto di sangue e la deposizione delle uova varia tra 3 e 5 giorni. 

La zanzara femmina numero 23 depone 60 uova in un tombino che il Comune, a marzo, si guarda bene dal trattare con larvicida. Dopodiché riparte per un nuovo accoppiamento. 

Si stima che la femmina di zanzara tigre possa vivere in natura due tre settimane circa e quindi, la nostra amica ex uovo numero 23, se gli va bene e non viene spiaccicata da una ciabatta o mangiata da qualche rondine (ma ce ne sono ancora?), può deporre da 140 a 240 uova durante la sua esistenza.

Settimana 2

La zanzara femmina numero 23 diventa mamma, la sua prima generazione di uova si schiude dando alla luce 30 nuove zanzare tigre femmine e altrettante maschio. Le 30 zanzare femmine seguono le orme della madre accoppiandosi e cercando un pasto di sangue.

La zanzara femmina numero 23 però non si ferma quì e in questi stessi giorni depone una seconda raffica di 60 uova, ironia della sorte nello stesso coperchio che l'ha ospitata per tutto l'inverno. Non è chiaro come faccia la zanzara ma è noto che sa riconoscere i precedenti luoghi di ovodeposizione come sicuri e più adatti di altri. Dopodiché riparte per un nuovo accoppiamento.

Settimana 3

La zanzara femmina numero 23 si sta avvicinando alla fine dei suoi giorni e come ultima soddisfazione diventa nonna. La sua prima generazione di 30 zanzare femmine dà alla luce circa 900 nuove zanzare femmine che proseguono a fare quello che la natura ha impresso nel loro DNA, riprodursi!

Prima di morire però la zanzara femmina numero 23 depone la sua terza raffica di uova e poi muore terminando la sua prolifica vita.

Proviamo a fare due conti. 

Settimana   Zanzara numero 23 Generazione 1  Generazione 2 Generazione 3 Generazione 4
Inizio  1        
1 30         
2 30  900       
3 30 900 27.000    
4   900 27.000 810.000  
5     27.000 810.000 24.300.000
6       810.000 24.300.000
7         24.300.000

Dopo meno di 2 mesi, quindi verso l'inizio di giugno, la nostra zanzara numero 23 sarà responsabile della presenza di più di 70.000.000 di zanzare. E non abbiamo considerato nel conto le sue 29 sorelle.

Pensi ancora che la prevenzione possa essere inutile a farti godere il giardino in estate?

 

banner full

Informazioni negozio

MosquitoWeb snc, Via Nievo, 8 20063 - Cernusco sul Naviglio (MI) Italy
Contattaci subito: 02 4070 6995
Email: info@mosquitoweb.it

cover ebook

 

Scarica l'ebook

GUERRA ALLE ZANZARE.

Informazioni, trucchi e consigli per liberare il tuo giardino dalle zanzare.

Scaricato già da 17996 persone.