Blog navigation

Ultimi post

Il MosquitoForum va definitivamente in pensione
Il MosquitoForum va definitivamente in pensione

Abbiamo messo off-line il nostro forum, da cui tutto è partito. Un piccolo pezzo di storia che se ne va.

Read more
Decorso punture zanzare tigre nei bambini
Decorso punture zanzare tigre nei bambini

Ecco come si presentano le punture delle zanzare nei bambini particolarmente sensibili.

Read more
Scovare e uccidere zanzare in una camera da letto
Scovare e uccidere zanzare in una camera da letto

Come è possibile che durante il giorno non si vedono zanzare in casa e solo alla notte ronzano nelle orecchie...

Read more
Da dove entrano le zanzare
Da dove entrano le zanzare

Come fanno le zanzare ad entrare in casa anche con le zanzariere?

Read more
Come catturare le zanzare
Come catturare le zanzare

Ci sono diversi momenti in cui è possibile catturare le zanzare. Ogni trappola per zanzare agisce in modo specifico...

Read more

Informazioni di base

 

Chi non sapesse da che parte incominciare per affrontare il problema zanzare può partire da questo articolo. Le armi a disposizione sono molte e diverse, ecco una breve panoramica sull'argomento.

Affrontare il problema zanzare vuole dire cimentarsi in una vera e propria guerra. Sarà lunga e difficile ma non priva di soddisfazioni. I risultati miglioreranno di anno in anno e permetteranno di riconquistare i propri spazi all'aria aperta. Sconfiggere le zanzare non vuole dire on avere più neanche un insetto che vola, ricorda che questi sgraditi insetti sono sopravvissuti anche ai dinosauri. L'obiettivo è ricondurr el'infestazione ad un livello più che accettabile che ti permetterà di goderti gli spazi all'aperto in totale tranquillità.

Innanzitutto assicurati di non avere in giardino ristagni di acqua o possibili focolai di infestazione. Coonsidera che le uova di zanzara tigre si possono sviluppare anche in quantità di acqua minime quindi è importante eliminare o gestire ogni possibile contenitore (innaffiatoi, giochi del cane, teli di plastica), per i sottovasi basta qualche goccia di larvicida.

Dato che molti, pur non avendo ristagni, sono infestati ugualmente vediamo come possiamo affrontare la lotta adulticida.

I principali metodi sono applicabili nei giardini.

Innanzitutto ci sono le sofisticate trappole per zanzare a base di CO2. Si tratta di apparecchi che sintetizzano anidride carbonica (CO2) sfruttando bombole di gas gpl o propano. L'anidride carbonica è l'emissione del corpo umano (e dei mammiferi in generale) che permette alle zanzare di individuarci. Simulando la presenza di un grosso mammifero queste trappole attirano a se le zanzare e le risucchiano con una ventola intrappolandole per sempre. Esistono attrattivi particolari per migliorarne il potere attrattivo. La principale in commercio si chiama Mosquito Magnet.

Un aspetto fondamentale per la difesa sono gli insetticidi. Possono essere chimici (piretroidi) o naturali, solitamente si tende ad evitarne l'utilizzo per il timore che siano nocivi. Di sicuro non fanno bene ma se utilizzati nel modo corretto non hanno effetti indesiderati e sono estremamente efficaci.

Si irrorano connebulizzatori o con irroratori automatici. Questi ultimi, di recente introduzione sul mercato, sono prodotti nuovi e ancora sconosciuti ma potrebbero essere di grande aiuto in particolare con prodotti naturali e repellenti.

I repellenti vengono usati per allontanare le zanzare.Esistono da spalmare sulla pelle: chimici a base di DEET o Icaridina oppure naturali a base di Olio di Neem, geranio, citronella e chi più ne ha più ne metta.

Sostanze repellenti possono anche venire irrorate nell'ambiente, sulla vegetazione, sui muri. Prodotti a base di estratto di aglio, olio di cedro e sempre l'olio di Neem, sono utili per creare zone non gradite alle zanzare. Gli zampironi non sono altro che repellenti d'ambiente. Ottimi anche i repellenti da esterno Thermacell.

Vi sono poi soluzioni più "romantiche" la cui efficacia va valutata caso per caso. Si parla della Catambra la pianta anti-zanzare, dei pipistrelli come predatori naturali, racchette elettriche e molti altri.

Un ultimo aspetto fondamentale è il coinvolgimento dei vicini di casa, se non nella lotta attiva almeno nel limitare la proliferazione dei soliti ristagni.  

 

 
Pubblicato in: Percorsi