mosquitoweb banner promo top

Notice

Il forum è in modalità di sola lettura.

×
Forum in sola lettura (25 Mag 2017)

Ciao a tutti,

il forum è in sola lettura, intanto stiamo organizzando un sistema di gestione della community e delle informazioni più moderno e fruibile.

Grazie,
Mario

Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

  • Messaggi: 15
  • Ringraziamenti ricevuti 0

sdicuzz ha risposto alla discussione Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

Carissimi, grazie per tute le info. Siccome il mio MM americano, dopo 2 settimane, mi dava l'impressione che lavorava poco, ho deciso di spostarlo. Ho quindi chiuso il gas, staccata l'alimnetazione e l'ho posizionato in altro posto più centrale. Purtroppo mi è andato in blocco e allora ho incominciato a leggervi. Vi premetto che io ho preso su internet un adattatore 220/110 V 75 W al costo di 9 euri. Dalle info ricavate dai post ho potuto capire che il problema poteva essere i 12 V finali che, a causa della cdt (caduta di tensione) dovuta al lungo filo sottile (R=resistivita X lunghezza : sezione - cdt = R X corrente) risultavano inferiori, così ho scoperto i fili vicino all'innesto sul MM ed ho messo i puntali del tester. In effetti dopo alcuni minuti (probabilmente corrispondenti a vari cicli di accensione) la tensione segnava 11 volt. Allora ho accorciato il filo di circa 15 m ed ho riporovato ed ho constatato che la tensione, a parte qualche transitorio, non è mai scesa sotto 12,3 volt e dopo circa 10 min. la lucetta rossa ha smesso di pulsare, segno che l'aggeggio funziona. In conclusione effettivamete il problema è nella cdt e quindi, se non si necessita di cavo lungo, basta accorciarlo, in caso contrario sostituirlo (tenendo i terminali) con normale cavetto elettrico 2 X 1,5 mmq. Qualcuno parlava di 2,5 ma è assolutamente esagerto tenuto conto che quello fornito è da 0,5 mmq.
Con l'occasone, invece, esterno il dubbio che avevo in precedenza e che nessuno ha evidenziato: la frequenza di esercizio americana è 60 Hertz, contro i 50 nostri e questa influisce nella parte eletronica ( variazione di flusso, ecc. mi capiscono quelli che hanno studiato come me alle superiori per periti) e può determinare anomalie perchè la stessa tensione di - diciamo - 12 volt a 50 Hz non è la stessa cosa di una tensione di 12 volt a 60 Hz. Puo essere infatti che la variazione di frequenza di ca il 20%, non opportunamenta valutata in sede di taratura dell'apparecchio, determini fattori di crisi che non si evidenzierebbero col cavetto di alimentazione fornito dal costruttore per l'america se la frequenza fosse 60 Hz. In parole povere io penso che in america lo stesso alimentatore andrebbe sempre bene, mentre da noi no. Ergo domanda: qualcuno ha visionato l'impianto elettrico e valutato la possibilità di variare qualche componente (tipo resistenze di caduta) per tarare la macchina alla frequenza europea? Io presumo che dentro ci sia un impiantino di raddrizzameto perchè so che ora ci sono MM senza filo che vanno sicuramente in corrente continua.
Buone riflessioni e buone vacanze senza zanzare.
Sante

Sante
#13
  • Messaggi: 1
  • Ringraziamenti ricevuti 0

unijet ha risposto alla discussione Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

ragazzi ecco la mia esperienza.defender acquistato negli usa,trasformatore toroidale 220v-12vac 100va,regolatore del gas da 30mbar.il mio defender 2 volte su tre mi dava la luce lampeggiante rossa e non funzionava.essendo un perito elettronico ho smontato il coperchio ed ho cominciato a fare delle misurazioni sulla scheda elettronica in fase di accensione della macchina.il problema di queste macchine e' proprio in questo periodo quando si accende la "candeletta" e nei successivi 10---15 secondi.questo periodo di tempo corrisponde al momento (al'incirca 2--3minuti dopo l'accensione del defender)in cui si sente la ventola diminuire di intensita' e dopo 10--15 secondi riprende a girare velocemente.in questo breve periodo di tempo si accende la candeletta e deve incendiare il gas che sta' uscendo dall'ugello.se questo non avviene abbiamo appunto la luce lampeggiante rossa velocemente di un anomalia.quindi l'anomalia e' dovuta al fatto che la candeletta non si e scaldata al punto giusto da riuscire ad incendiare il gas.infatti se noi andiamo a misurare la tensione in entrata sulla scheda elettronica,QUANDO INIZIA A SCALDARE LA CANDELETTA, vediamo che essa gia' non e' piu' 12vac ma scende a 11vac ma ,ancora meglio,se andiamo a misurare la tensione direttamente sulla candeletta (anch'essa funzionante a 12vdc)vediamo che essa scende ulteriormente e di molto. quindi per ovviare a questi problemi anche secondo me non bisogna comperare un trasformatore 220 12v 100va come indicato piu' volte in questo forum ma un trasformatore 220 13--13.5vac.
#14
  • Messaggi: 2433
  • Ringraziamenti ricevuti 23

manburg6 ha risposto alla discussione Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

Grazie per avere condiviso la tua esperienza... speriamo prima o poi di venirne a capo...

I prodotti antizanzare che ho scelto personalmente ;) MosquitoShop

Diventa fan del MosquitoWeb su Facebook
#15
  • Messaggi: 15
  • Ringraziamenti ricevuti 0

sdicuzz ha risposto alla discussione Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

OK, mi pare interessante, però, la tensione che ho misurato io in ingresso al MM, con l'originale americano a 110 V collegato all'adattatore 220/110 75 VA, era superiore a 14 V che finivano sotto gli 11 in fase, ora ho capito, di preriscaldamento delle candelette. Ciò è sicuramente dovuto al fatto che la corrente richiesta per il riscaldamento, pittosto elevata, ha provocato una caduta di tensione anch'essa elevata a causa della lunghezza del filo e della sua piccola sezione genrando il malfunzionamento. Infatti togliendo 15 mt. di filo il MM è ripartito. Continua a rimanermi il dubbio sulla variazione di frequenza 50/60 Hz dato che mi pare che sulla candeletta si sia rilevata tensione continua e non alternata e che ci sia una scheda elettronica che sicuramente funziona in continua gestendo anche - probabimente con un transistor - la tensione continua raddrizzata.

Sante
#16
  • Messaggi: 17
  • Ringraziamenti ricevuti 0

frankurb ha risposto alla discussione Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

Per quanto riguarda i dubbi tecnici di sdicuzz circa la differenza di frequenza tra la rete elettrica americana e la nostra non sono in grado di rispondere, ma sono interessato anch'io alla eventuale risposta che qualcuno più competente di me potrà dare.

Volevo invece aggiornare la situazione per quello che riguarda il mio Defender. Con grande soddisfazione posso infatti comunicare che finalmente il mio defender è partito!!! :D :D :D Il merito è tutto dell'aiuto che mi è stato dato dai diversi intervenuti, in particolare da Bicio.

Andiamo con ordine, cerco di raccontare in breve il seguito della mia esperienza. A conferma di tutto quello che era stato detto nei diversi interventi, vi informo anzitutto che anche la mia macchina è infine partita quando ho fatto la prova "accorciamento-cavo". Insomma il problema era anche nel mio caso quello della caduta di tensione. Alcuni giorni fa avevo comprato un tester (mai usato in vita mia, ho dovuto leggermi tutto il librettino delle istruzioni) e avevo fatto qualche verifica. Al momento dell'accensione l'ignitor (accenditore) si arroventava regolarmente, tuttavia successivamente avevo misurato la tensione sui contatti dell'accenditore stesso e avevo rilevato un valore di 10,5 - 10,6 V.

Nel frattempo, un po' scoraggiato dalle impreviste difficoltà, devo confessare che avevo deciso di trovare una soluzione diversa e così ho acquistato un Mosquitaire, avendo letto tanti commenti positivi nella relativa sezione di questo forum. Sto anche seguendo l'interessante discorso sulla produzione del co2 e ho fatto alcune prove. Cercherò anche di confrontare a questo punto l'efficacia delle due trappole e farvi sapere le mie impressioni... ma non divaghiamo, magari ne riparliamo nella sezione apposita. Era solo per dire che per un po' ho lasciato perdere il Mosquito Magnet.

Come dicevo, ho fatto anch'io la prova dell'accorciamento del cavo a bassa tensione (quello che va dal trasformatore al mosquito), l'ho ridotto a circa 90 cm, e finalmente la macchina è partita! A questo punto una soluzione poteva essere quella di prolungare il cavo ad alta tensione (dalla presa al trasformatore) per poter portare il Defender in giardino. Ma come ho spiegato all'inizio questa soluzione non mi piaceva affatto, la trovo potenzialmente pericolosa e volevo evitarla. Ho dunque seguito il consiglio di Bicio. Ho acquistato una cavo bipolare con sezione di 2,5 mmq e ben 20 metri di lunghezza. Qualcuno suggeriva che potrebbero bastare anche meno di 2 mm di ma visti i problemi ho preferito non rischiare. Ho tagliato il cavetto originale vicino allo spinotto che si aggancia al Defender, ho collegato i due fili a quelli del mio cavo a sezione maggiorata, fissando per il momento con un sistema molto rudimentale, intrecciando i fili di rame e avvolgendo il tutto con abbondante nastro isolante. Il risultato è quello che dicevo all'inizio: il Defender è partito regolarmente senza fare una piega! Ho staccato tutto, riposizionato e interrato il filo in giardino, riattivato il tutto e anche alla seconda accensione tutto ok! Insomma pare proprio che questa possa essere una soluzione definitiva.

Dunque riassumendo il mio adattamento finalmente funzionante è:
- Sostituzione del trasformatore originale con uno 220V -12 V, 150 VA (dovrebbero bastare anche 100VA), non toroidale
- Sostituzione del cavo originale a bassa tensione con cavo di sez. 2,5 mmq.

Se dovessi ripartire da capo sarei curioso di provare la soluzione alternativa, che mi sembra anche più semplice e pulita, proposta da diversi e in particolare nell'intervento riportato da manburg e cioè: tenere intatto il trasformatore e il cavo originale e acquistare semplicemente un adattatore di tensione da 220v a 110v, con la potenza suggerita (mi pare 50W). Questa soluzione avrebbe il pregio di non richiedere nessun taglio e riattaccamento di fili e se funzionante credo sarebbe davvero la migliore soluzione. Comunque per me ormai l'importante è che il sistema adottato funzioni. ;) Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno dato suggerimenti e chiarimenti, senza i quali penso che avrei mollato tutto.

Adesso spero che le due macchine (Defender e Mosquitaire) facciano il loro dovere, riferirò sugli esiti appena possibile. Ciao e grazie ancora a tutti.
#17
  • Messaggi: 5
  • Ringraziamenti ricevuti 0

croccodillo ha risposto alla discussione Mosquito Magnet Defender dagli USA: difetto accensione ecc.

Ciao a tutti,

Sono un nuovo utilizzatore di un MM Defender, acquistato in USA usato (ebay) e acceso solo oggi.
L'ho acceso solo un paio d'ore, dalle 19:00 alle 21:00, e in questo breve lasso di tempo ha catturato una decina di zanzare tigre.
Devo dire che l'inizio è incoraggiante, le varie trappole e ovitrappole autocostruite sinora non avevano avuto alcun effetto.
Per la cronaca, ho attivato il Defender con una cartuccia di Lurex.
Anche il Lurex l'ho acquistato in USA; in effetti la persona che mi ha venduto il Defender usato (in Texas, Las Vegas) è stata tanto gentile da comprare per me su ebay tre confezioni di Lurex, e inserirle nella scatola del Defender prima di spedirmelo.
Come molti ho avuto problemi di accensione, e quindi ci tengo a spiegare come ho risolto il problema.
Per le prime prove ho utilizzato un trasformatore da 200VA, con un'uscita a 13V.
Dato che il Defender non si accendeva, ho tolto il coperchio e misurato le tensioni sulla scheda elettronica, per capire cosa non andava.
Con il trasformatore a 13V sull'accenditore (igniter) arrivavano circa 10V, evidentemente non sufficienti per innescare il gas propano.
Verificato che sulla scheda arrivavano i 13V dal trafo, ho capito che qualcosa non quadrava.
Allora ho preso l'alimentatore originale e l'ho testato in ditta; la mia ditta produce apparecchiature che esportiamo in USA, quindi ci siamo provvisti di un generatore a 120V, 60Hz per provare le unità destinate al mercato americano.
Per farla breve, il trasformatore originale non fornisce 12V in uscita ma, udite udite, ben 16V sotto carico (3A).
Scoperto questo mi sono procurato un altro trasformatore con uscita a 15V (un toroide da 120VA) e l'ho collegato al Defender.
Con il nuovo trasformatore il Defender si accende senza problemi.
Ho misurato le tensioni sulla scheda, e con 15V in ingresso sulla scheda l'accenditore riceve 12V precisi precisi.
Per il resto della scheda non ci sono problemi, in quanto è "protetta" da un integrato alimentatore (LM2940-12) che accetta in ingresso tensioni fino a 45V e fornisce in uscita 12V costanti.
Quindi, se qualcuno ha problemi di alimentazione consiglio di sostituire il trasformatore a 12V con uno a 15V, ed il gioco è fatto.
Credo che il Defender funzioni anche con un alimentatore elettronico in continua a 15V, ma non ne sono sicuro e non ho modo di provarlo.
Visti i prezzi di un trasformatore da 120VA a 15V non ho comunque interesse a fare altre prove.

Per la cronaca, questo è il trasformatore che sto utilizzando:
Trafo RS

Un trasformatore del genere si trova dovunque, ma se vi serve vi passo qualche riferimento:

Elettronica Novarria, costruisce trasformatori, prevalentemente per appassionati di audio (valvolare), ma non ha problemi ad avvolgere trasformatori "standard".
Fino alla fine di settembre il trasporto è gratuito:
Novarria

RS components, ha un vasto assortimento di trasformatori:
RS Components

Stessa cosa per Farnell e Distrelec:
Farnell 1

Farnell 2

Distrelec 1

RS, Distrelec e Farnell vendono solo all'ingrosso, ma si appoggiano a negozi locali per la vendita al dettaglio.
per esempio, qui a Bergamo CED Elettronica è loro rivenditore.
Basta chiamare uno di questi negozi e dare il codice, loro lo ordinano e poi lo ritirate in negozio quando arriva.
Provate a scrivere una mail a RS, Farnell o Distrelec per capire i loro punti di vendita locali.

Ecotrafo:
Eco trafo

Se proprio non riuscite a trovarli, contattatemi e in qualche modo risolveremo.

Spero con questo di esservi stato di aiuto.

Ciao,
Giovanni
#18
Powered by Forum Kunena

Scopri gli antizanzare più efficaci

Mosquito Magnet

Mosquito Magnet

Interrompe il ciclo di vita delle zanzare fino a 5000 mq. Ecologico, non emette sostanze nocive.

ThermaCELL

ThermaCELL

Libera dalle zanzare spazi di alcune decine di mq. Ideale per terrazzi, campeggio o giardino.

Aqualab

Soluzioni professionali

Soluzioni professionali in ambito industriale e trattamento degli alimenti a norma HACCP.

Informazioni negozio

MosquitoWeb snc, Via Nievo, 8 20063 - Cernusco sul Naviglio (MI) Italy
Contattaci subito: 02 4070 6995
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright © 2016 MosquitoWeb snc -  P.I. 07721000961 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Contatti - Privacy policy

Copertina eBook 2019 200

Scarica gratuitamente l'ebook
Guerra alle Zanzare.

Informazioni trucchi e consigli per liberarti dalle zanzare.
Già scaricato da più di 30.000 persone.