mosquitoweb banner promo top

Prevenzione contro i pappataci - Disinfestazione

Pagina 5 di 8: Disinfestazione

INTERVENTI DI DISINFESTAZIONE, PROTEZIONE E CATTURA DEI FLEBOTOMI

Sarà risultato molto chiaro che gli interventi descritti nel capitolo prevenzione saranno molte volte impraticabili per motivi di costo, tempo, ecc: ad esempio difficilmente l’impianto di irrigazione o di drenaggio funziona così bene da non creare zone umide, oppure esistono pacciamature fatte dal giardiniere sotto le siepi e non eliminabili, insomma difficilmente quello che viene consigliato nella prevenzione è di facile attuazione e quindi ... di seguito soluzioni alternative e/o integrative la prevenzione.

DISINFESTAZIONE

La disinfestazione si basa su trattamenti a base di sostanze chimiche che uccidono direttamente l’insetto, nel caso dei pappataci, visto che le larve si trovano in profondità nel terreno, si riesce a colpire solo l’insetto nella fase adulta. La disinfestazione deve essere fatta solo nei luoghi necessari e con tempistiche precise, assolutamente non bisogna irrorare indiscriminatamente l’area ma solo i luoghi in cui si presume la presenza dei focolai di infestazione. Useremo un insetticida che ci permetta di avere un impatto sulla salute e sull’ambiente molto bassa e lo alterneremo con altro prodotto per evitare l’insorgenza di resistenze da parte dell’insetto. Faccio presente che questa pratica viene consigliata solo nel caso non si possano applicare i consigli elencati nella fase di prevenzione e su:

residui organici, le foglie, accumuli di legname, di residui dello falcio del fieno, escrementi degli animali domestici o zone atte alla defecazione, zone umide del terreno, le tane di talpe e altri roditori terricoli, sotto le siepi, incavi degli alberi o radici umide, pacciamatura, all’interno dei compostori,  muri a secco, muretti, zone umide, fossi o avvallamenti nel terreno (sempre senza la presenza di acqua), aree con accumulo di materiale inerte (rottami, gomme, legna, ecc..). In zone con pericolo di contagio ripetere il trattamento ogni 15 giorni, in altre zone ripetere il trattamento ogni 30-40 giorni. Usare solo insetticidi con forte residualità, almeno due settimane,  perché non è possibile sapere quando le larve sfarfalleranno dal terreno e quindi quando ci sarà bisogno dell’effetto insetticida.  Non usare mai insetticidi nelle vicinanze di scoli per l’acqua, tombini, grondaie, fossi o comunque luoghi in cui questo può essere trasportato via dall’acqua perché potreste inquinare l’acqua, in zone come queste potete usare prodotti biologici a base di Bacillus thuringensis per la lotta alle larve di zanzara e chironomidi.

Per effettuare trattamenti secondo le modalità sopra citate, la linea No Fly Zone offre un prodotto dalle caratteristiche eclettiche: Eto x 20/20 CE. Si tratta di un formulato a base di Etofenprox e Tetrametrina, il tutto sinergizzato dal Piperonil Butossido, combinazione che unisce una bassissima tossicità acuta orale (la più bassa in commercio) ad un’efficacia sicura e duratura per almeno due settimane. Eto X, diluito nella ragione di 0,5%, è il prodotto giusto per effettuare trattamenti in sicurezza in giardino. L’operazioni di disinfestazione dovranno seguire gli accorgimenti sopra riportati quindi, per ottenere una maggiore efficacia, si presterà particolare attenzione ai contesti più delicati come le siepi, le zone dove viene accumulato il compostaggio, aree più umide ed eventuali anfratti. Sarà sufficiente irrorare tali contesti per poi passare velocemente alle aree più ampie come il prato. Si consiglia di procedere al trattamento nelle ore serali, in modo tale che le molecole dell’insetticida non vengano velocemente degradate dall’azione dei raggi del sole, accorgimento valido per tutti gli insetticidi piretroidi. La formulazione di ETO X 20/20 CE permetterà l’abbattimento immediato dei pappataci presenti e grazie alla sua residualità permetterà la protezione da eventuali nuove “nascite” per ben due settimane.

Per la difesa della casa dall’attacco dei pappataci usare aerosol in cantine, fessure nei muri, e zone umide della casa con un effetto abbattente immediato e nessuna residualità al fine di non mantenere insetticida in casa; si presuppone infatti che in casa vi siano solo gli adulti; in genere si possono individuare i pappataci come piccoli moscerini che sostano sul muro di casa. Trattare regolarmente le zone frequentate dagli animali domestici (lettiera, cuccia, cuscini, muri adiacenti a queste, ecc...). Aerare sempre i locali e allontanare sempre gli animali domestici durante il trattamento.

Acti zanza Spray, insetticida per trattamenti superficiali a base di transflutrina, può essere impiegato efficacemente per trattamenti veloci in zone confinate della casa (es. sottoscala); grazie alla sua azione abbattente e la capacità di evaporare gradualmente per 8 ore consecutive, ci garantisce la riuscita dell’intervento, andando a colpire anche gli esemplari in volo. Utilissimo per trattare stipiti di porte e finestre per creare una barriera invisibile che permette di lasciare le porte e le finestre aperte senza la paura dell’ingresso di sgraditi ospiti tre i quali i pappataci.

Per trattare zone come cantine e zone poco frequentate è possibile usare You Spray In, dispositivo di erogazione automatica di Piretro o di essenze profumate. La protezione costante che un erogatore automatico di insetticida può offrire permette di proteggere le aree dove i pappataci amano annidarsi e riprodursi anche senza dover frequentare necessariamente l’area interessata, le vostre cantine, ripostigli e altre zone poco frequentate ma possibili serbatoi di infestazione. Si posiziona sul muro ad un’altezza di circa 2m e si imposta l’erogazione dell’estratto di Piretro naturale ogni 30 min minimo. Il dispositivo provvederà automaticamente alla difesa della stanza (max 50mq di copertura).

Particolare interesse deve essere posto alle zone esterne la casa in cui vivono gli animali: pollaio, cucce, recinti, tane, ecc.... In questo caso è sempre consigliabile trattare ogni 15 gg con un insetticida senza solvente, a bassissima tossicità per i mammiferi e alta residualità. Allontanare gli animali durante il trattamento.

Anche in questi contesti, un trattamento periodico con Eto X allo 0,5% risulta un ottimo rimedio.

N.B. Accertarsi che i prodotti usati siano PMC (Presidi Medico Chirurgici), leggere sempre attentamente le etichette in tutta la loro parte, seguire sempre le dosi consigliate (se non ci sono dosi per i pappataci usare quelle per le zanzare), se ci sono dubbi, contattare un professionista, un’azienda produttrice o richiedere le schede dati di sicurezza ormai obbligatorie per tutte le sostanze considerate pericolose.

Protezione

Scopri gli antizanzare più efficaci

Mosquito Magnet

Mosquito Magnet

Interrompe il ciclo di vita delle zanzare fino a 5000 mq. Ecologico, non emette sostanze nocive.

ThermaCELL

ThermaCELL

Libera dalle zanzare spazi di alcune decine di mq. Ideale per terrazzi, campeggio o giardino.

Aqualab

Soluzioni professionali

Soluzioni professionali in ambito industriale e trattamento degli alimenti a norma HACCP.

Informazioni negozio

MosquitoWeb snc, Via Nievo, 8 20063 - Cernusco sul Naviglio (MI) Italy
Contattaci subito: 02 4070 6995
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I clienti dicono

2021 © MosquitoWeb srl -  P.I. 11351750960- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Contatti - Privacy policy

 

Copertina eBook 2019 200

Scarica gratuitamente l'ebook
Guerra alle Zanzare.

Informazioni trucchi e consigli per liberarti dalle zanzare.
Già scaricato da più di 30.000 persone.