Carrello

Il carrello è vuoto!
Sei qui: Notizie dalla rete

La diffusione della Dengue nel mondo

dengue nel mondo

E' nato un portale che fornisce informazioni sui focolai epidemici della Dengue nel mondo.

Leggi tutto: La diffusione della Dengue nel mondo

Soluzione economica contro le zanzare

ovitrappola

Una versione di ovitrappola, più sofisticata, verrà utilizzata in Florida per contrastare la diffusione di Febbre Dengue.

Leggi tutto: Soluzione economica contro le zanzare

Tracciare le malattie attraverso la saliva di zanzara

malattie saliva zanzare

Alcuni scienziati affermano che potrebbero essere in grado di monitorare le malattie trasmesse dalle zanzare studiando le tracce di saliva lasciate da queste quando si nutrono.

Leggi tutto: Tracciare le malattie attraverso la saliva di zanzara

Zanzara Tigre: uno degli organismi più invasivi al mondo

zanzara tigre

L'ISSG (Invasive Species Specialist Group) ha stilato una lista degli organismi più invasivi sulla base di diversi parametri. Le specie invasive sono state riconosciute a livello mondiale come una grave minaccia per le biodiversità, per l'agricoltura e per altri interessi umani.

Non è stato facile identificare quale specie è peggiore di altre, le loro interazioni con gli ecosistemi sono molto complesse. Alcune specie possono avere invaso solo una regione limitata, ma hanno un'alta probabilità di diffondersi causando ulteriori danni. Altre possono essere già diffuse a livello globale causando un danno cumulativo ma meno visibile.

Alla fine le specie sono state selezionate in base a due criteri: il loro forte impatto sulla diversità biologica e/o attività umane e i fattori che determinano il livello di infestazione biologica.

Dopo la Acacia Mearnsii (pianta), la Achatina Fulica (mollusco) e il Tristis Acridotheres (uccello) viene la famigerata Zanzara Tigre.

La Zanzara Tigre è associata alla trasmissione di molte malattie umane tra cui la Dengue, il Virus del Nilo occidentale e l'Encefalite Giapponese.

Segue a ruota un'altra zanzara, la Anopheles Quadrimaculatus, che è il principale vettore di Malaria nel Nord America.

L'ISSG (Invasive Species Specialist Group) ha stilato una lista delle specie più

invasive sulla base di diversi parametri. Le specie invasive sono state riconosciute a

livello mondiale come una grave minaccia per le biodiversità, per l'agricoltura e per

altri interessi umani.

Non è stato facile identificare quale specie è peggiore di altre.

Le specie e le loro interazioni con gli ecosistemi sono molto complesse. Alcune specie

possono avere invaso solo una regione limitata, ma hanno un'alta probabilità di ampliare

e causando ulteriori danni. Altre specie possono  essere già diffuso a livello globale,

e causando un danno cumulativo ma meno visibile. Molte famiglie biologiche o generi

contengono un gran numero di specie invasive, spesso con effetti simili.


Alla fine le specie sono state selezionate in base a due criteri: il loro forte impatto

sulla diversità biologica e/o attività umane e i fattori che determinano il livello di

infestazione biologica.

Dopo la acacia mearnsii (pianta), la Achatina Fulica (mollusco) e il Tristis

Acridotheres (uccello) viene la famigerata Zanzara TIgre.

La zanzara tigre è associata alla trasmissione di molte malattie umane tra cui la

Dengue, il Virus del Nilo occidentale e l'Encefalite Giapponese.

Segue a ruota un'altra zanzara, la Anopheles Quadrimaculatus, che è il principale

vettore di Malaria nel Nord America.

Le zanzare ereditano la tolleranza al DEET

zanzare resistenti

La caratteristica che permette ad alcune zanzare di tollerare uno dei repellenti più efficaci a disposizione può essere trasmessa a più del 50% di figli in una sola generazione. Il DEET agisce bloccando il recettore dei neuroni olfattivi, che consentono alle zanzare di percepire le loro prede. Una piccola percentuale di zanzare sono sempre state note per non essere influenzate dalla presenza di DEET. Gli scienziati della National Academy of Sciences hanno trovato un neurone sensoriale sulle antenne delle zanzare Aedes aegypti, che risponde al repellente in modo dose-dipendente. La cattiva notizia è che il tratto sembra essere ereditato. Quando le zanzare femmine note per non essere DEET-sensibili sono allevati con i maschi la cui sensibilità non era nota, la parte di zanzare che non sono influenzate dal DEET è passata dal 13% ad oltre il 50% in una sola generazione.

La zanzara che non vola

zanzara non vola

Un nuovo ceppo di zanzare in cui le femmine non possono volare potrebbe essere un’arma decisiva contro la trasmissione delle febbre dengue: è questa la proposta dei ricercatori dell’Università della California a Irvine e dell’Università di Oxford che descrivono la creazione dello strano ibrido sulla versione online della rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.

La Dengue è trasmessa dalle femmine della zanzara della specie Aedes aegypti e finora non si è riusciti a trovare alcun vaccino o trattamento efficace.

È così che gli studiosi statunitensi e britannici hanno pensato alla creazione di un nuovo ibrido in cui le femmine, incapaci di volare, dovrebbero morire rapidamente, riducendo in modo drastico le popolazioni e di conseguenza anche il numero di contagi. I ricercatori hanno introdotto un’alterazione genetica in alcuni esemplari di A. aegypti in grado di interferire con lo sviluppo della muscolatura delle ali nella progenie di sesso femminile. Le zanzare di sesso maschile, per contro, non hanno effetti fenotipici, ma ciò non rappresenta un problema perché esse non pungono e non trasmettono il virus.

Secondo gli studiosi, questo nuovo approccio dovrebbe sopprimere le popolazioni di zanzare nella regione in cui venisse applicato entro un periodo di 6-9 mesi.

Fonte: Le scienze

Pagina 4 di 6

Seguici